Lettera a un disilluso

Caro disilluso,
ti scrivo questa lettera per parlare di te, e di me.
In cosa credi? In nulla, vero? Sai che tutto è un’illusione, che niente è vero e soddisfacente, che niente, nessuno potrà più emozionarti, stupirti. Perchè hai già dato, hai già dato molto e non hai voglia di rimetterti in mezzo. Hai vissuto tanto, hai fatto tante esperienze ma nulla è capace di soddisfarti, perchè sai bene che tanto, alla fine, la fortuna tocca sempre ai soliti stronzi.

Tu che conosci bene l’arte di sorridere con sufficienza a quel giovane che ci crede ancora, tu che non ti risparmi mai una predica, solo per il suo bene s’intende, della ragazza che ancora sogna.

Ti scrivo per dirti che non voglio arrendermi a te, nonostante porti qualcosa di te all’interno, come tutti quanti; ma trasformarsi completamente in te significherebbe morire. E non ne ho voglia, non ancora. Sono ancora troppo pieno di vita, troppo affamato d’emozioni per venderti l’anima. Quindi, nonostante gli inviti continui ad assomigliarti che generosamente invii a chiunque non sia come te, mi dispiace ma sono costretto ancora a credere.

Declino quindi la tua gentile proposta, e sono certo di non essere il solo, come sono certo che il tuo party sarà pieno d’ospiti illustri, e di molti dei nostri vicini di casa, dei nostri amici e dei nostri genitori.

Cordiali saluti