Lettera aperta ad AlmaLaurea

Ho ricevuto l’annuale invito a compilare il questionario di AlmaLaurea relativo all’inserimento dei laureati nel mondo del lavoro. Una formalitá, qualcosa che generalmente passa oltre nella lista di mail che ricevo quotidianamente. Stavolta peró ho deciso di soffermarmi qualche minuto a riflettere e rispondere. Non al questionario, ma alla mail stessa.

Allego qui la mia risposta, in modo da renderla in qualche modo una lettera aperta, mi piacerebbe conoscere le vostre opinioni ed esperienze.

Gentilissimi,

sono laureato ormai da diversi anni. Il mio percorso personale, accademico e lavorativo é stato complesso e spesso travagliato, come quello di molti. Di tanto in tanto ricevo i vostri questionari, i vostri sondaggi che generalmente – lo ammetto – ignoro.

Ora, prima di ignorare anche quest’ultimo sondaggio, ho voluto ritagliarmi un momento di tempo per una riflessione. AlmaLaurea é una istituzione: tutti coloro che mettono piede in un’universitá italiana la conoscono, tutti ci si relazionano, se non sbaglio c’é anche una sorta di censimento obbligatorio presso AlmaLaurea al momento della consegna dei documenti necessari a discutere la tesi. Quello che mi domando é: cosa fa AlmaLaurea? A che serve, in concreto, allo studente? Quali sono questi servizi che offre? La testata recita “un ponte tra universitá e mondo del lavoro”. Ma davvero lo rappresenta?

Facendomi un giro tra le varie sezioni del sito (a proposito, mi permetto nel mio piccolo di consigliarvi un design piú snello e moderno) ho trovato qualche informazione di massima, qualche ideuzza, qualche link esterno, una sfilza di annunci di lavoro in nessun modo diversa da quella ottenibile con un motore di ricerca per annunci qualsiasi.

Insomma, dov’é che AlmaLaura fa la differenza? Dove esprime il suo valore e il suo potenziale? Dov’é che diventa un alleato imprescindibile dello studente che intende entrare nel mondo del lavoro?
Dov’é la divulgazione professionale vera, concreta, connessa a tutte le facoltá che l’universitá italiana offre nella sua offerta formativa?

Questa mail non ha alcun intento polemico, sia chiaro. Il mio interesse é prettamente capire, comprendere l’utilitá di AlmaLaurea. Voglio sentirmi in torto nell’aver ignorato i vostri questionari finora, voglio capire la loro importanza.

Perché penso che AlmaLaurea potrebbe diventare davvero la risposta istituzionale al mastodontico problema dell’inserimento dei laureati italiani nel mondo del lavoro. Ed é deprimente vedere che tutto questo potenziale svanisce in una bolla di sapone. Fermo restando che mi auguro di essere in profondo errore.

Cordiali saluti,
Flavio Carlini


Condividi
  • 4
  •  
  •  
  •  
  •  
    4
    Shares

Invia il commento

avatar
  Subscribe  
Notificami